Archivio della categoria: Uncategorized

Venezia Sett-Ott 2018

Io stavo in Garage San Marco per due settimane, mentre Giannetta seguiva un corso sul arte e architettura veneziana. Qui alcune foto che lei ha messo sul mio blog…

Venezia in Generale

Alba su Murano dal terrazzo
D3BB1B58-7062-4811-B98A-6DAF3B68A3F9

Tramonto su San Giorgio dal vaporetto

9CC9B3A3-CD64-4A2E-8C32-E9F26F3AFF66

Neve sui Dolomiti dal terrazzo

1AA5A427-7DAF-4FC1-80F6-04F20ABA7FDD

 

Giro e lezione di voga

620DA355-53FD-49CB-A913-375E432D5A1FD02D54CF-D265-407A-89CE-848266C4990B0B7C38D4-1E2C-48E0-853D-61EF6ADB96ADBE46E715-A544-4DA7-87F6-2E4D61A24CF7020D2DD1-86A9-4613-AD9B-CFC7F60914BF363FCDFA-55A9-49C2-ABAE-7EC48E6AF12A20BBDC88-DBB2-428D-AED0-CDE0E0925AB1

Cavallo di Colleoni Campo Zanipolo

938A2E07-5AF3-42F8-9225-AAB24592BFCC

Mostra a San Giorgio ‘Homo Faber’:

D44F75B3-B22B-4C35-80E7-C55A97FE64F2

D855FE7B-4012-476D-B2F3-CFAA94FEE8CA9FDEE3CD-96F3-4BD5-93FC-9BBF963753BCE92C756C-2028-4464-8771-ED6007406C83

Mappa di Venezia in perline di vetroD76A6B3F-0662-464D-AB61-EB82C15C800A
7FE16F8E-6594-41C1-9F68-8C36E45C6F43

restaurando  opere di Veronese

E64006AC-B08A-4F41-8652-A30F4067D821

Bella Bici

463012B6-871D-4DAA-A61C-4A804CCC4A81

Visita Murano (e la basilica)

CF138E7C-D3A0-4451-B637-3F01CB4CE4292E7EB010-4F81-4A05-A5DB-B5E607F1C31B2EE9E911-41C7-4F1E-A42E-55E1650F7BC6F7166A33-0CF1-46D6-A7F2-7DA6D3943E5D

Biennale di Archittetura – Arsenale:

L’arsenale è un posto molto ben adatta per le mostre. Communque, secondo Giannetta il sito se stesso è ancora più affascianante e forse il suo luogo preferito a Venezia. Ai tempi d’oro della Serenissima,  venivano  fuore 15 galeone enorme per settimana. Avevano la specializzazione  di lavoro e delle catene di produzione quasi 500 anni prima della revoluzione industriale!!

Corderia – portone con una tenda fatto di corda

95AAB9E1-2159-4E36-AE49-F74422D0DAC8

Proiezione sul muro

5B3833D7-F7F7-403C-90CD-11BB7F4ECEA2

328DC87C-DD08-4EC4-BE87-0B7268895D1B

B59F30FD-3D66-4F0A-868C-F5D6402303CC

Lungezza della corderia : 300mBDC4DDE3-17F7-44A9-869E-DA75695A030B

 

Mostra Indiana

4E116058-C09C-4D8E-93C0-6F9E7AA49244

Mostre Bangladesh74A24408-29AD-4D31-983A-97C1B7C96239

B77E4629-C4BF-4B66-A993-6696A0B80653

 

Frecceria7F1F7E7D-649A-4BAE-859F-D52A330B5A2C

Bombarda4E018C99-8F64-4BFF-B88D-E11520D7056B

 

Bacino e tese

FDA91569-E21D-4D4E-B613-7B2CFC1834D4EC5254E5-8978-4A1F-88D7-FD9D0DF7B2D9

B350A6EF-512D-4291-A78A-263823040047

20A00E6C-4570-4384-A4FE-E78ABB0A4284

715F4D9E-34C3-4717-A8AA-7F2277DB8CC6

8784DA8D-C31F-41FE-8123-EE8AD1B974A3

 

 

Corso settimana 1 – Le imagine che abitano l’architettura XIII-XIV Sec

A cavallo di questi secoli Venezia ha sviluppato come un centro politico, religioso e commerciale seguendo:

1177 Patto Veneziano

  • La forma di Piazza San Marco progettato assomigliare Costantinopoli con basilica, palazzo e piazza

1204 Quarta crociata

  • flusso di riccezza dopo il crollo di Costantinopoli

Punto sul marciapiede usato per progettare l’alineamento della piazza con la basilica

 

90FEAE88-BA46-49BD-9A0D-A24173D0CB82

imagine medievale:

inserimento/riuso – ‘souvenir’ pietre antichi (fette di colonne) con simbologia medievale/bizantina, mostrando identità/leggami tra Venezia e Costantinopoli

00772A6D-8114-4B7D-96A9-52D106230C6A

BC0A9BD1-18CA-4065-9D23-DED146D56B6A

 

A5B53B01-E298-45A4-A230-6AA19AACD21C

Palazzi Dandoli …Allargezza della loggia, trasformazione dal fondaco …colonnato…forma palazzo. Rappresentando una nuova dignità 

BCACB524-2725-4CB2-88DF-9474180AFBE1

 

Corso  settimana 2- Le imagine che abitano l’architettura XV-XIII Sec

1435-1516 primo rinascimento –  Sviluppo

1515-1598 secondo Rinascimento –  Codificazione…San Marco architetto: Jacobo Sansovino . Alargezza, nuovi loggia, biblioteca Marciana (primo biblioteca publica nel mondo)

Bellini 1496

AC0F0B80-B8E9-414F-80DD-002FF218260C

…..(in paragona- oggi)

4420057D-E390-41B8-96A5-D90A4B79B612

Jacobo de Barbari iscrizzione 1500D9E4AF11-F588-41C1-86B3-70DF13131C7Bdetagli – San Marco:

A236CEF6-49CB-4D84-A071-BB3B7D61BA90

Influenze:

Confine della città progettato 1500

  • Canalizzazione portare l’acqua dal fiume Brenta e altri fuori della laguna
  • Fondamente : Zattere, Giudecca, Schiavoni, Nove (mai finito nella zona Orto, prima del crollo della repubblica)
  • Concessione alle chiese equidistante. – bonificazione

Cambiamenti nella Chiesa dopo il consiglio di Trento – ricostruzione/ridecorazione in stile pulito

Chiesa San Sebastiano – opere di Veronese

25BFBA21-ADE0-4FC0-886D-5A8A11B44857

4B8D054A-9A2D-454C-9CE0-39FE11884931

Paladio – San Giorgio

24EA6EDE-81AC-4D44-B43C-0686CFFCF7FD

Salute e La Dogana con ‘Occasio’ (imagina di movimento/fortuna/ iniziativa)

ABB21373-DDEF-4CB9-B83C-6786A15046C9

Grande Scuole – investimento nel sviluppo della città  (periferia), poi finanziamento delle opere d’arte

Scuola Carita (adesso Accademia)

CB072797-2ED8-407B-A0D6-39EC3498C703Grande Scuola di San Rocco – Scala8ABCFF12-54C8-4BD8-B1A3-D9B116750115

Grande Scuola di San Rocco – le regole4539C2BF-EDAA-4518-B2AC-17B906C63AE9

Grande Scuola di San Rocco – Opere di Tintoretto

65C9E256-3947-4F0F-93F3-B79C5AE708E4AB008B01-4AFD-4ECA-B321-2B0535FE7E93DFC9D40F-DC6D-4837-8880-C7061FFD7693

Imagina dal Bacino ‘teatro’ della città. Rapporto tra le chiese, 4 granai (non c’è più), biblioteca publica (Marciano), prigione…. rappresentando sicurezza, saggezza, giustizia… buon governo.

AD71638C-A709-4A25-BE68-CFBE475AF96D

 (Giannetta ha preso tanti appunti più  dettagliati. Se vi interessi, lei parlerebbe di più  sul soggetto con molto piacere 🤪😆😝😉 )

Piemonte Settembre 2018

 


Dom. 8/9

Yupiii… siamo tornati in Italia! 

 

9F7F342A-323B-49E8-B33E-8F1D052A907ASiamo arrivati a Malpensa. Ero un po’ in disordine nella mia borsa, ma finalmente Giannetta mi ha montato e siamo partiti per Sesto Calende.

 

1F104A30-2E35-4B9A-AFB6-BBAB7B48EF701EF19C23-0054-4DEB-98CF-F448AEE78FFDLi ci hanno dato un benvenuto con una festa. Cioè un palio dei rioni, includendo una gara di dragon
boat sul fiume Ticino, che prosciuga l’acqua dal Lago Maggiore. (Interessante che le pietre di cui il duomo di Milano è costruito, sono da questa zona. Erano trasportati sul fiume Ticino e poi i navigli di Milano.) Siamo stati in albergo Sole,  centrale e comodo. L’edificio è stato costruito cerca 500 anni fa come le stalle.DB9EF920-0CAC-4B39-B5D0-B417BFD32103

3114B5D0-1138-4B43-9B6F-3E9211B2DFF383EC5067-AFC7-40D8-8A8F-AA3BE12D969E411EE427-4BC9-467A-8B97-5E6A88F3114CE2AD5754-F55A-4782-876F-A2C606E711920FC33B8C-1D6E-4BC1-A135-9F1D508A48992E6E95E8-BE6E-4035-9DF3-0E133BFE2F63541A2084-9812-4CAF-8569-66F74E59E961

Lun 9/9

Io sono rimasto a casa, riprendendomi dal mio viaggio scomodo in aereò mentre…

Che giorno fantastico per Giannetta! I genitori di Lorena, la sua amica/ex collega del comune di Auckland, l’hanno trovato. Hanno fatto un bel giro, primo ad Arona una bella città sul lago Maggiore, con una statua enorme di Carlo Borromeo e una bella vista sul castello. 

254F6F2B-CD77-4D77-8118-93945A19513D9B5AC53F-7CB6-4E38-BFB6-5884D5244CE7
Poi hanno pranzato alla casa di Pietro e Paola. Hanno mangiato i tortellini tipici della zona. Giannetta ha incontrato la nonna di Lorena e i suoi due Cani carinissimi – Pimpa e Pepe. D22F8439-D347-401A-A424-46F4240DFAC6

Dopo pranzo sono andati al bellissimo Lago di Orta. Sfortunatamente c’era qualcosa appuntito sulla strada che ha completamente rovinato la gomma della macchina. Mentre povero Pietro organizzava la gommista, Paola e Giannetta avevano un pomeriggio molto piacevole, finendo con un aperitivo. C2E518C5-A442-474A-B2EF-E65829307DD1

4934CA9B-0F59-4B5E-9F21-36F501CDCBFD0E05E1B7-2745-4445-B35B-CCB17D627F3A15DFF345-76D5-45A6-8E92-4CB612605609


Pietro è arrivata con la ‘Alfa’ di Lorena poi tutti sono tornati a Gattico dove c’era un bel tramonto.0227A57C-0B55-4C75-8F8A-35A12D4B5AC8

Ho notato che Giannetta è tornata al albergo abbastanza tardi.

Mar 10/9

Dopo colazione Giannetta mi ha caricato e siamo partiti. Abbiamo attraverso il ponte di ferro, attraversando anche dalla Lombardia al Piemonte. DE690408-4512-45EE-A22F-826DB3DA1957

Pedalavamo verso sud oveste per Novara. Era piuttosto collinoso però sopratutto in discesa… per fortuna perché la temperatura riusciva più di 30 gradi!! Abbiamo visto il famoso canale Cavour, (https://it.m.wikipedia.org/wiki/Canale_Cavour) abbiamo pranzato a Novara ( ad un bar non troppo speciale, ma cercavamo soprattutto on po di ombra) poi avevamo una piccola siesta nel ombra di un bel parco vicino il castello rovinato.874FBD6E-DEC7-4921-AF42-32A86E6C830E60BF3FCE-09E0-49CD-81C0-A076B456E0A9

Siamo arrivati a Cameriano verso mezzo pomeriggio. Abbiamo ricevuto un buon benvenuto da Nicoletta la padrone di B&B il Giarolo, molto comodo.

Mer 11/9

Dopo una colazione sublime Nicoletta ci ha consigliato le strade meno trafficate per riuscire Vercelli, poi lei e la sua bici ci hanno accompagnato fino a Casalina, dove Giannetta e Nicoletta hanno fatto un breve tour del palazzo abbandonato e il suo giardino e le vecchie stalle.0277A4E4-8E9B-4589-8B33-7F5333F197E83844E467-EA68-42DD-A090-4FF4695286AF1B0E4B84-4E6C-4D4F-A00A-04670B366DF91D016623-00A8-4428-AB32-07F12D47A375

Qui siamo decisamente nel mezzo delle risaie. Sono quasi pronta per la raccolta e sono il colore d’oro. Bellissima, tra le vecchie cascine e altri edifici così affascinante.DC02CCA6-6232-4A06-8C08-7334D24F3FCE684402FB-4F3F-4F6D-B7B3-638E2AFC7F483B2BE3B2-445E-4839-9421-C058ED5C9029

Vercelli sembra una città molto piacevole. Giannetta ha pranzato ad un bar ad un tavolo sotto gli alberi nel mezzo di Corso Garibaldi. Ci sembrava una cosa molto italiana 😀F918D20F-12F0-43BA-A7EB-834A185FA48F3EEA307B-DC6B-4387-BE26-37B957557659

Ancora la temperatura superava 30 gradi. Quando abbiamo trovato l’unico albero per tanti chilometri Giannetta si è striata nell’ombra sull’erba per una breve siesta. Per fortuna nessun’altra è passato. Sarebbe molto imbarazzante per me avere una ciclista che sembrava quasi morta così! 

Abbiamo fatto un piccolo deviazione a vedere il Principato di Lucedio, di cui Giannetta ha letto un po’. https://it.m.wikipedia.org/wiki/Abbazia_di_Santa_Maria_di_Lucedio. È aperto al publico solo la domenica, però era vale la pena vederlo dal fuori.36EF875A-EE77-4F7A-B2B6-051DDB82A178

Quel mappa ‘app’ che Giannetta usa, non offre la scelta di andare in bici, quindi Giannetta usa di solito la scelta per camminare. Così qualche volta l’app ci porta sui sentieri non ben addati per le bici. Questo è successo oggi all’ultimo momento, molto vicino al nostro alloggio per la notte, ci siamo trovati completamente persi nel mezzo dei campi vicino Crescentino. Devo dire che c’erano alcune parolacce 🤬 Forse era il colpo delle fantasme di Lucedio….😱😱

Gio 12/9

Crescentino è solo 41 chilometri da Torino. La strada non era notabile e diventava più trafficata. Eravamo contenti raggiungere la pace (e l’ombra come sempre in questo caldo così faticosa) del Lungo Po a Torino. Il nostro appartamento è situato nel centro, in una strada tipica Torinese, ha un cortile tipico Torinese, e dentro l’edificio d’epoca c’è un soffitto meraviglioso. (Io sto nel cortile vicino la spazzatura 😠)8A82D679-C807-47BF-B1E0-288BF4C22CC4D2740D5C-32D1-412A-9165-2BEBB0915BA8691D39D3-2ED3-4436-B728-7E0F113916BAA23A1ACB-FE80-4BF8-9A9F-72D1A1512B61

Ven 13/9

Rimanevo in cortile.

Giannetta ha passato un giorno rilassante, vagando le strade di Torino e visitando al meno uno caffè elegante. E0232063-A641-48BD-B5D7-4EC2F0400E254F6A102A-A9E1-4349-BB06-9653CC56302E7FE99C3E-0C72-4A6A-B277-51F37031A9C6

Lei ha letto un libro si chiama ‘Quando l’automobile uccise il cavaliere ‘; (un romanzo leggero) che raconta la storia della FIAT e alcuni caratteri veri, come il Conte Bricherasio e Il capitano Federico Caprilli, maestro di equitazione. Giannetta è un po’ pazza nel senso che ha un ossessione con questa storia. Ha trovato il Palazzo Bricherasio e anche l’angolo di via LaGrange dove il narratore della storia è detto di aver vissuto con il suo nonno. Se fosse l’autore del libro penserei che Giannetta sia un po’ bizzarra… non sarebbe la prima volta! Ma lei insiste che è divertente avere un itinerario con una tema un po’ oscuro e meno turistico.A62E0732-476D-46A0-9507-BBABC5552E03B1F6280F-2FB4-417E-AC97-40120EE91AD84ACEA949-D33B-45CD-81A3-B143B49B7D10043B73C5-F2EA-43C4-8A3E-84C9F20C9EF1

 

Sab 14/9

Rimanevo in cortile… 😠

Giannetta ha preso il treno per Avigliana. Poi ha preso la navetta che l’ha portato alla Sagra  di San Michele. Sulla navetta ha chiacchierato con una coppia Italiana da Piacenza, chi viaggia in camper… molto raro per gli italiani. Erano molto amichevole.

Giannetta ha detto che la sacra era impressionante, misteriosa spettacolare. È stata l’ispirazione per il libro ‘Nome della Rosa’ da Umberto Eco. Secondo Giannetta si può immaginare com’era con i monachi tanti anni fa.

 

 

16035E65-8DF9-4CE6-A988-D99CD1304C26EF61ECD6-2B5F-4118-B3BF-FC94903E2C88EC94C958-7970-4E78-8AAD-6BDE57D43C1BAEDCF930-D89E-4DEA-B8BC-1FBE1968A6A6164692E8-A2C2-487F-A804-E74CD3E312F47A52A633-D789-496D-894E-DBC9083B7EEB7ABA0E31-9067-4FFD-814B-E9416F18FBA3AED68BAE-CA8A-4FC6-A93B-8087AD4AF375

78ECD297-6151-4519-BCA2-546FC0540EF55E42555E-3F5B-4444-9774-1BAEA5C36F54

Sulla navetta tornando dalla sacra c’era una signora chi ha camminata dalla stazione… dovrebbe essere allenata. Lei lavora per il comune di Torino. Era interessante per Giannetta fare un paragone tra Torino ed Auckland. La popolazione e il numero di impiegati sono quasi uguali.

Hanno pranzato insieme al cafe della stazione Avigliana, con la coppia da Piacenza, poi Giannetta è tornata a Torino.

 

Dom 15/9

Rimanevo in cortile…ancora… 😡

Giannetta ha fatto una visita al Centro Storico della FIAT. Questo museo è situato proprio sul sito del primo ufficino della FIAT al fino degli anni 1800. Tanti dei curatori del museo lavorava nella fabbrica FIAT nel passato e sono veramente entusiasti, molto contento da condividere le sue storie. Molto carino.

0095C82E-F1C9-4B22-8A4B-BAC5D164D01D8030070F-8B52-4463-9B9A-96F33509F912602F3E79-7FAB-43F9-9B95-E72DB49BD87720F928C8-C05C-4C49-A019-72641208DA4D

Poi nel pomeriggio Giannetta a fatto un piccolo soggiorno a Pinerolo. Li ha visitato il museo delle arme, piuttosto polveroso con alcuni brutti esempi di cavalli conservati per tassidermia…poverini.

Il motivo per questa visita era visitare la sala Caprilli, fare un omaggio al famoso cavaliere 

1B443D7C-C6FC-4F0D-A6F5-72D07921EC89AA4D79E4-09F2-4851-BFE9-A787A500ABED

CF75D449-6CF2-4981-B2AE-85A14710A6F8Pinerolo è da sempre una città con un collegamento con i cavalli ( scultura fuore la stazione)
B0C0263A-F475-4267-9F97-B73DBD115861

Lun 16/9

Finalmente sono uscito dal cortile

Abbiamo preso il treno per Asti ( perché Giannetta è troppo pigra da pedalare) siamo arrivati la mattina, così Giannetta poteva fare un piccolo giro della città. Rimangano le bandiere dal palio.

EC035CE5-0F36-4B5D-A784-4A0EB510C4704B89B641-C259-4E2F-8FAF-36FF28684077D05EF2B1-DC52-4D71-A8A1-AF4B1568D5A3A56BB0FB-2306-4726-A883-1FA8F748CBE952131B36-379B-49B6-A464-CB37D70AB6DC

Mar 17/9

Oggi abbiamo cominciato il nostro giro nelle colline di Monferrato. Che bello! I monumenti affaciananti e i caffè carini di Refrancore, le zucche stupende al lato della strada, le viste tranquille, la temperatura un po’ più basso e finalmente una piccola brezza, tutto che ci piacevano.

4745D8B2-FD22-4306-A7D2-8C10F4BBAA2C7D90F794-7B54-4FFC-A4A1-5409E6A03D01FB053386-231E-49B5-8D12-A9AAAD813908C3DD39F0-1509-4D49-9961-BA4AEAF26F9F

Siamo arrivati a Fubine via la piccola cappella Bricherasio dove sono sepolti il Conte Emanuele, la sua sorella e le cenere di Federico Caprilli. Poco distanza in avanti abbiamo passato il palazzo Bricherasio, detto il castello, ora una casa di riposo.
1AC7F3AC-0190-49DA-88E2-4FA1B9D2CE6F3A92EB63-8DE3-4572-9282-5C9AB427E201

Da lì gli stretti vicoli di Fubine fanno una ripida discesa del pendio. Per fortuna i miei freni funzionano bene! dopo aver pranzato a Bar Centrale abbiamo preso la strada per Cuccaro. Questa è la vista dalla finestra nella camera di Giannetta. L’altra finestra da una vista di me fuore il fienile.

E8F84E02-D4C0-4579-92DD-9DC7A146D86172C7BFF2-7B00-4DF4-8708-1214B95BA9F63A7E09F6-FEA1-417F-B3D3-FE7EA398D763

Mer 18/9

Ieri sera Giannetta ha visto questo cartello e ha deciso, invece di andare dritto a per Frascarolo, sarebbe divertente vagare un po’ di più in Monferrato.BD24E5A7-4BB2-414F-8766-B83A70500636

La strada ci ha portato giù poi su verso Lu 

25DD5483-92AC-4D32-A04A-7AE9B0440FAA635E41DF-6F0A-4478-9AED-2ACBAAE536D5

Era poca trafficata. L’abbiamo condiviso con i trattori che erano impegnati con la vendemmia. Giannetta mi ha decorato con alcuni belli fiori dal lato della strada.

753510A2-C3FA-4A90-98BA-B03658BD8E288718019E-3561-4ECB-A686-EB044BAB7F0496682D08-4F13-45EA-AF44-2F1BF954D0A5CBEE5E04-0407-414D-876A-03E053183EC9

Continua a leggere

2016 -2017 a casa



È stato  tanto tempo che io non ho fatto un’avventura vera. Giannetta è andata in Nepal novembre 2016, aiutare costruendo le case come volontaria con Habitat for Humanity dopo il terremoto di aprile 2015. Lei ha un passione per Nepal da tanti anni e ha detto che era un viaggio fantastico, pero mi ha lasciato a casa 😡

IMG_3433IMG_3428IMG_3415IMG_3593IMG_3578

IMG_3642

Giannetta è tornata ancora in Nepal ottobre 2017 come tutore di un piccolo gruppo ancora costruire una casa per una coppia vecchia . Qui – alcuni foto

4C1F0B50-A5A2-485E-A4E7-69B1F89661CD

3BF7D14D-43C4-4F1B-A978-A824E671FE98

 

Mentre ero abbastanza occupato. Devo dire che sono molto bello questi giorni dopo un soggiorno al uffucino, che mi ha dato dei nuovi freni e cambi. Anche mi ha dato un nuovo strato mano, blu brillante. Ache molto importante, finalmente ho mio adesivo Cicloturista Partigiano 😄🚲

IMG_3164IMG_3154

Abbiamo ospitato tanti cicloturisti Warmshowers quest’anno da dappertutto…canadese, francese, austriache anche una coppia italiana in bici tandem! Era molto divertente fare conoscenza con le sue bici e ascoltare delle sue avventure.

IMG_3770le strade di Auckland diventano più come un parcheggio, sempre bloccato, quindi porto Giannetta spesso a lavoro. C’è un garage molto commodo e sicuro al suo lavoro e ho l’opportunità chiacchiere con le altre bici. Le bici elettriche sono in più. Giannetta dice che sono per gli anziani. Lei dice che è molto rilassante pedalando sulle piste ciclabile, che diventano sempre meglio qui ad Auckland. C’è l’opportunità apprezzare le viste come le albe e le sera quand era la super luna.

IMG_3118

IMG_3102

IMG_3130

In gennaio è stato una festa per l’anniversario della città. SIamo andati. Era un bel giorno e la città era molto vivace. C’era una corsa dei rimorchi, includendo il nostro rimorchio di vapore, William C Daldy, ben tenuto dalla gente di Auckland, a causa del suo ruolo come salvatore dal nostro ponte di porto negli anni cinquanta. C’era anche una corsa di agilità per i giovani ciclisti, molto carino.

20170130_12461720170130_111227

20170130_10511920170130_120058

Inverno, pioveva spesso e diventava freddo. Però ci piacciono i nostri pendolari e la tranquillità delle ciclabili, circondando con la pazzia del traffico

IMG_0013

IMG_0083

Natale 2017 GIannetta ed io abbiamo deciso che eravamo pronti per una piccola avventura come “ramo NZ del Cicloturista Parteggiano “  (vedi l’adesivo nelle foto) Abbiamo deciso pedalare alla casa di nostra amica Cathy a Waihi per Natale.

Dopo finire Lavoro venerdì Giannetta mi ha caricato e abbiamo preso il traghetto per Coromandel.

A71C2296-9C6C-44AF-813B-34CE78BF6A32

F7781E32-114E-4E5E-835E-A29F25C97FED

79024994-55BF-4CF0-80BF-F04571C37E35

C1BCDB74-8DAC-4469-B3F0-C283C9F2C5B4

Prossimo giorno abbiamo attraversato le colline all’altra late della penisola e completamente a caso abbiamo incontrato gli amici italiani di Giannetta, Flavia e Jacopo! Che bello da vederli 😀

F8777E9B-888A-46F0-8007-646A3843CAC6

6939483A-47F2-4658-A4EF-145237C1C869 09E92DE9-42C1-4AD6-96AC-0B7250D6B969
DF8BE935-51D1-4162-BFA3-6371287A7AB5 308D66B9-F5EB-4904-A2CB-BFBB35A7E50A

Abbiamo continuato fino a Flaxmill Bay , prendendo il traghettino da Whitianga. È stato la prima volta che abbiamo combinato cicloturismo con campeggio… molto divertente 😀

 

Poi abbiamo pedalato via Tairua, traghetto per Pauanui e finalmente dopo aver ricevuto permesso, via una strada privata della foresteria fino alla bella spiaggia di Opoutere.

3C953356-5F96-47D4-AEDB-47D14A39F645

E6B594DF-20D3-48EA-B82E-38B19134295D

A43C6F87-028B-4D7D-B6E3-AE3B476C027E

DB9DA155-B7F8-43E5-BF9C-7107028ADA0B

3C4A65BE-E92B-4F95-A70A-720935D9089F

Non avevo paura dei giganteschi nella foresta.

 

D1F47027-1A1C-42A6-85A1-961AA0E4E343

034B4C5B-EEFE-401B-A91A-9DA7CFB8BCA5C9C1B2C7-3E3F-477C-B742-B0203C83F7AA

 

CE990D5A-1236-41D6-B55F-14A4C983F10E

 

Mentre Giannetta nuotava nel mare ho provato i suoi vestiti… mi sta bene?

13712A6A-F5FA-4CF4-AEDE-2704AFEE7567

La mattina di Natale siamo andati su per Waihi e siamo arrivati alla casa di Cathy in buon tempo per pranzo 🥂🥘🥖🍓🥝

54DBCC6F-E73B-473C-9B6A-3C068D5C867F6E6F0583-4AB1-43A0-87DD-3E49F2BAF61F546A4D06-4AB4-47C5-B590-6783B9840F3C

Il giorno dopo Natale abbiamo preso il pullman per Auckland, poi siamo tornati a casa via la famosa ciclabile rosa .

A029C3F2-6FD5-4E67-95F1-D05BD321536C492EA6F3-73DD-4317-9743-91DDCDDBC0E7

29AD00E0-B22B-4FBD-9520-37B75092645E

Se vi interessa qui il link che descrive questo giro

https://nz.mapometer.com/cycling/route_4651390.html

 

Buon Capodanno 2018!!

 

 

 

 

 

 

 

Roma

9 maggio
Siamo spostati al nostro alloggio 27A Via dei Banchi Vecchi. L’appartamento è abbastanza carino, non troppo rumoroso, molto centrale e con un buon posto per me fuori la camera di letto di Giannetta.

 

image

Giannetta è andata al chiostro di Bramante vedere una mostra dei Macchiaioli. A lei è piaciuto l’artista Giovanni che rappresentava dei cavalli e altri animali con grande sensibilità.

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Fattori

 

 

10 maggio
Ci siamo alzati molto presto alla mattina fare un giro, scoprendo “La Grande Bellezza”
(luoghi del film più altri)
http://www.turismoroma.it/cosa-fare/alla-scoperta-de-la-grande-bellezza-2?lang=en

L’alba è veramente l’ora giusta da vedere Roma 😃

Abbiamo visitato:
Piazza Navona
http://www.turismoroma.it/wp-content/uploads/2014/04/piazzanavona.pdf

Palazzo Venezia e il foro

La casa di Jep, accanto al Colosseo
http://www.turismoroma.it/wp-content/uploads/2014/04/jep.pdf

image

Santa Maria del Priorato
Purtroppo l’Ipad di Giannetta non poteva fare una foto bella della vista di San Pietro tra la buca della serratura, ma si può vederla sul link:
http://www.turismoroma.it/wp-content/uploads/2014/04/santa-maria-del-priorato.pdf

Il giardino dei aranci
http://www.turismoroma.it/wp-content/uploads/2014/04/giardino-aranci.pdf


Altre viste, includendo lungo Tevere, e il collazione di Giannetta a Trastevere.


Molto divertente! 🚲

11 & 12 maggio

Purtroppo il tempo peggiorava e non potevamo fare alcuni giri d’alba in più. Mi sono stata smontato e messo nella mia borsa pronto per il mio viaggio molto scomodo in aereo 😤.

Gianetta ha messo alcuni bottiglie di balsamico nella mia borsa con i suoi vestiti…speriamo che non rompano!!

Il nostro viaggio d’Italia finisce qui.

Alla prossima 😄🚲😄🚲😄🚲😄🚲😄

 

Umbria /Lazio

4 Maggio Chiusi – Orvieto

CHE GIORNO!!!!!
Dopo aver consultato due punti di referenza ( Google maps e michelan maps, consigliato da Pino, ci siamo messo in viaggio. Dopo una ripida discesa da Chiusi la strada era abbastanza facile da seguire… Fino al quando la così detto ‘strada bianca’ ha cominciato. Le strade bianche sono normalmente percorsi ciclo/pedonale nella campagna, senza traffico. In fatto, questa strada nonostante che fosse nel mezzo delle fattorie e gli spaventapasseri, non era per niente ‘bianca’ …invece era verde (erba e fango). Ad un certo punto è sparita e ci abbiamo trovato in un prato con alcuni cavalli e asini. Abbiamo controllato le mappe tante volte, il piccolo punto blu insisteva che eravamo nel luogo giusto. Ad un altro punto avevamo dovuto attraversare un tipo di canale. L’acqua raggiungeva i ginocchi di Giannetta. Al meno puliva le mie gomme in parte…

Finalmente abbiamo trovato qualche sentiero che assomigliava una strada. Giannetta (dopo parecchie parolaccia 👹 👹 👹) ha deciso basta con le strade bianche, decisamente potrebbe essere troppo presto nella stagione…non sono mantenute e sono quasi impossible navigare.

imageOppure forse eravamo le vittime di qualche nuova lotta tra Labro e Ficulle nel quale uno o l’altro ha qualche progetto allagare la valle, come nelle epoche passate?

Abbiamo cercato terreno più alta, veramente con una ripidissima salita fino a Ficulle, puoi una veloce discesa per Orvieto scalo, puoi ancora su per Orvieto centro storico. Siamo stanchi e sporchi, ma contenti ad essere qui finalmente.

 

5 maggio Orvieto
Ho passato un buon giorno di riposo nel piccolo giardino del Hotel Poste (commodo e centralissimo), mentre Giannetta ha fatto la turista. La facciata del duomo è stupenda, Giannetta non l’ha aspettato in un paese così piccolo.

A lei piacevano anche le due torri, quella di Maurizio …

…e quella di Moro…dalla quale c’è questa vista

Ha visitato anche il Pozzo di San Patrizio che è incredibile!

Orvieto è piena di bel’edifici, e anche la curiosità dei tante stazione per i vecchi turisti che non supportino le salite??

Giannetta aveva abbastanza tempo visitare il pozzo della cave…un rete di scavi ancora sul proprietà privata, aperto al pubblico. Fantastico e molto ben spiegato…

Giannetta ha anche prenotato un tour di un altro rete di scavi (ne sono migliaia sotto la città, utilizzato dal tempo dei Etrusci.) la seconda tour era interessante ma secondo Giannetta, merita meno dal pozzo della cave. Questo foto di un ex piccionaia e qualche pezzo d’idraulico medievale.

6 maggio Orvieto – Viterbo
La nostra partenza da Orvieto ha cominciato ovviamente con una discesa ripidissima, seguito immediatamente con una lunga salita.

image

Finalmente la strada diventava più piano, seguendo l’orlo di un volano, il cratere di cui contiene Lago di Bolsena, fino a Montefiascone. Il paesaggio e verde, circondato dalle montagne…quasi potrebbe essere Nuova Zelanda anche con alcune pecore 🐏 🐏 🐏

image

Abbiamo raggiunto Viterbo più presto che abbiamo aspettato. Giannetta non posso credere il lusso del suo appartamento sta sera, con un grande salone è un cortile privato. Io sto con la bici di corso del padrone.

Viterbo e una città deliziosa, ogni angolo da una vista meravigliosa dei edifici medievali. Sembra molto vivace e non troppo turistica. Varrebbe stare più di una notte….dobbiamo tornare.

 

7 maggio Viterbo – Bracciano

Oggi il paesaggio era più collinosa che abbiamo aspettato ma bello e molto interessante. Purtroppo la strada vicino Cura è molto male mantenuta, piena di buchi, così grande che si potrebbe perdere un piccolo cavallo! Cosa fa il comune di Vetrallo? Abbiamo incontrato una coppia ciclo turista da Milano che anche lamentava lo stato delle strade. Abbiamo continuato per Blera, dove le strade sono molto migliore, e abbiamo attraversato un grande ponte sopra un gola molto profondo con un bosco denso. La strada affiancando al ponte era scavata dalla pietra tufa.

Abbiamo continuato, attraversando alcuni paesi carini, fino a Bracciano, dove c’è un sacco di nuovo costruzione, piuttosto brutto, circondando la città storica e il suo castello, che da una vista sul lago vulcanico.

La condizione delle strade peggiorava ancora. Non so perché questo buco si dava attenzione specifica…ne sono miliardi così!

image

8 maggio Bracciano – Roma

Da Bracciano era circa 40 km, abbastanza facile, a Roma. Il traffico verso Roma diventava più denso ovviamente, ma ben comportato verso le bici, come troviamo sempre qui in Italia. Siamo arrivati in grande stile, attraversando due ponti famosi.


Il nostro AirB&B appartamento alla Via lei Banchi Vecchi era facile da trovare, però c’era qualche problema e l’ospitante ci ha trovato una camera a ‘Inn Rome’ per la notte. Abbastanza comodo.
Domani ci spostiamo nel appartamento….ci vediamo?

 

Toscana

28 aprile

Borgo San Lorenzo – Vicchio
Abbiamo preso lo stesso bello trenino 🚂 come ieri da Brisighella fino a Borgo San Lorenzo. È un treno molto adatto alle bici, la carrozza non ha i gradini ripidi e c’è un posto specifico per noi bici. Avevamo un tour molto breve di Borgo San Lorenzo, dove abbiamo incontrato Fido… Una storia molto commovente.

Siamo stati la notte a Vicchio, dove è nato l’artista famoso – Giotto. C’è una statua nel piazza…era un signore abbastanza bello…più di Dante 😄

29 aprile Vicchio – Poggiolini (vicino Reggello)
Oggi mattina abbiamo seguito il fiume Sieve fino a Pontessieve, dove il fiume corre giungere l’Arno.

Abbiamo continuato nella Val d’Arno fino a Sant Ellero, da dove abbiamo fatto una salita molto impegnativa fino a Donnini, poi al nostro alloggio sopra Reggello… Giannetta poteva spingermi in alcune tratte. Altitudine circa 400 metri, Albergo Archimede è un luogo molto particolare, circondato dal bosco. I padroni sono una famiglia molto simpatica. Hanno dato a Giannetta un piccolo tour della loro cantina privata, piena di vino (più di 20,000 bottiglie) da dappertutto, anche piena di tanti antiquari molto interessanti…affascinante!

 

 

30 aprile Poggiolini – Loro Ciuffenna (Via dei Sette Ponti prima tappa)
A Reggello comincia la famosa Via dei Sette Ponti. Gli origini della questa via sono molto probabilmente Etrusci, anche fa parte della via Cassia degli antichi romani. Probabile era anche usato da Annibale.

image

Devo confessare, temevo che fosse impegnativa come ieri (non mi piace essere spinto da Giannetta), però non dovevo preoccuparmi, era una bella strada tra il fianco della catena montuosa ‘Pratomagno’ sopra la Valdarno, con tante curvi, ma non troppo collinosa, offrendo delle viste stupende. Siamo nelle terra degli olivi. Ce sono anche dei papaveri e giaggioli dappertutto. Ogni villaggio ha la sua vecchia pieve, semplice, poco decorata e bella, con un soffitto di legno.

Ci troveremo in Loro Ciuffenna che è un sogno. Giannetta ha pranzato al Bar Centrale, poi abbiamo passato il pomeriggio vagando nel villaggio, così pittoresche.

Poi abbiamo pedalato poco distanza al nostro alloggio, agriturismo Tiberio. Qui la vista della finestra.

image
1 maggio Loro Ciuffenna – Arezzo (Via Setteponti seconda tappa)
A San Giustino una messe era pronta a cominciare e i cantanti suonano belli. Sfortunatamente non posso attaccare il video perché è troppo grande.

Oggi il paesaggio diventava più piano.Le vigne sostituivano gli olivi. Abbiamo attraversato il Ponte Buriano, che si può vedere nel opera di Leonardo…Mona Lisa.

Abbiamo trovato i nostri ospitanti, Marina, Manuel, Eva e la loro bella cane Lucky. 💕 Marina e Lucky hanno portato Giannetta in un piccolo giro del centro storico poi Lucky volevo tornare a casa in fretta perché cominciava il tuono, che la terrorizza. La pioggia ha creato un arcobaleno.

Per cena abbiamo mangiato tortellini in brodo…molto buono!😋

2 maggio Arezzo – Poppi – Arezzo

Ho avuto un giorno di riposo, mentre Giannetta ha visitato il centro storico, dove che una bella piazza …

…poi ha preso il treno 🚂 per Poppi dove c’è un piccolo villaggio medievale con un castello. Nella biblioteca del castello c’era alcuni vecchie edizioni della Divina Comedia. Giannetta ha letto canto uno del’Inferno da un’edizione da 1491.

poi Giannetta ha visitato il museo archeologico che contiene tanti esempi d’arte etrusca di alta qualità.

3 maggio Arezzo – Chiusi (Sentiero della Bonifica)
Marina ci ha accompagnato un po, poi siamo partiti da Arezzo, sul questo sentiero (62km) che segue il canale maestro della Chiana. Questa zona ha una storia di lavoro idraulico molto lungo e molto interessante, vedi qui : https://it.wikipedia.org/wiki/Canale_maestro_della_Chiana
Il sentiero è ben segnalata con cartelli spiegando i punti d’interessa.

È stata un buon giro. La tappa più difficile era l’ultima salita per arrivare a Chiusi che è una piccola ma bella città sommità.

Li Giannetta ha mangiato per caso a ‘Il Bucchero’, il padrone Pino è appassionato alle bici e ha dato a Giannetta alcune informazione molto utile.

image

Qui finisce il nostro giro di Toscana. Domani andremo a Orvieto che è in Umbria.

image

Emilia Romagna

19 Aprile Mantova – Mirandola
C’era un temporale terribile a Verona ⛈ la mattina della nostra partenza, quindi abbiamo deciso prendere il treno 🚂 per Mantova. Il treno è stato in arrivò a Mantova alle 14:00. Abbiamo seguito le istruzione di Google maps verso Mirandola. C’era un misto delle piste ciclabile e le strade non troppo trafficate. Abbiamo attraversato il fiume Po. Ci piacciono vedere i campi piena dei colori di primavera ed i grande edifici delle fattorie. La strada cambiava da una strada provinciale, a una più piccola, poi l’asfalto sparava e diventava ghiaia…poi erbe! Ci troveremo nel mezzo dei campi….eventualmente arrivando a Mirandola.

image

20 aprile Mirandola – Modena
Ci siamo stati improvvisamente accorti che è stato Mirandola, dove è stato il terribile terremoto di 2012. Il povero duomo è crollato e ancora sta rovinato.

Abbiamo pedalato sulle strade secondarie, anche seguendo le tracce di una piccola ex ferrovia (vedi la storia http://www.avventuraitalia.it/ciclabili%20modena%20mirandola.html )
…passando le piccole stazione purtroppo adesso abbandonate.

La pianura è bellissima e la gente sono molto amichevole. Abbiamo chiacchierato con questa bella vecchietta e la sua bici d’epoca.

image

Eravamo accompagnati da Luigi, un vero gentiluomo, per almeno 5 fino a Modena e il nostro punto di incontrare i nostri ospitanti.

Siamo arrivati a Modena e abbiamo trovato Giulia e Glauco, i nostri ospitanti al chiostro della biblioteca Delfine. Modena è veramente una città delle biciclette!

21 aprile Modena
Il centro storico e un sito Unesco di patrimonio mondiale. Giannetta ci ha visitato, includendo il duomo, dei musei la Torre della Ghirlandina, ecc. Anche ha visitato il museo delle figurine…carino.

La sera abbiamo pedalato (noi due con le bici e gli amici di Giulia e Glauco) circa 10 chilometri al piccolo Museo della Bilancia (vedi qui: http://www.museodellabilancia.it ) dove Giulia ha fatto una presentazione su i giri in bici seguendo i percorsi fatto dal suo nonno nei anni 39++
Molto interessante e piuttosto commovente vedere le foto… il nonno e la nipote nello stesso luogo tanti anni separatamente (vedi link: http://www.cicloturistapartigiano.it) siamo tornati dopo mezzanotte…che avventura! Molto divertente.
🌙 🚲 🚲 🚲 🚲 🚲 ✨🕌✨💫

22 aprile Modena – Bologna
Ancora, abbiamo seguito un’ex ferrovia da Modena fino a Vignola, passando una piccola città in miniatura, purtroppo un po in disordine; poi dopo un breve giro di Vignola e il castello, abbiamo preso il treno per Bologna.

 

23- 24 aprile Bologna
Motivi per amare Bologna :
La storia…tra le altre Giannetta ha visitato il complesso di San Stefano, 7 chiese insieme, sviluppato a partire dal 4 secolo

I portici
Si può uscire nonostante che piova 🌧

image

La cultura in generale …Giannetta ha visitato 3 mostre. Anche la domenica c’è sempre qualche manifestazione nella piazza. Questa volta un insieme di veicoli d’epoca, che davano gioia a tante persone

Sopratutto la cultura della Bicicletta
Glauco ha consigliato questo ‘Velostation’… http://dynamo.bo.it


…un piccolo paradiso offrendo servizi e avviso per ciclisti…fantastico. Hanno trovato un negozio che ha potuto dammi una nuova forcella d’acciaio.

image

Speriamo che l’aiuta Giannetta andare un po’ più velocemente. Lei è veramente un chiocciola questo viaggio! 🐌
C’è sono bici comunale dappertutto nella città, anche un iniziativa a ricuperare delle biciclette abbandonate, ripararle e offrirle per l’uso della comunità.
C’è una buona rete delle piste ciclabile, anche ben segnalata.

25 aprile Bologna – Faenza
La pista numero 2 ci ha portato fuori della città, sud este verso Faenza. Non abbiamo dimenticato che a Nuova Zelanda era ANZAC day. Vedi il papavero. Anche qui in Italia è un grande giorno di commemorazione.

image
Abbiamo raggiunto Faenza mezzo pomeriggio. Dope aver passato la Rocca di Bagnara

Giannetta ha visitato il museo internazionali delle ceramiche, che è enorme! Una collezione estensiva, dal oriente, Europa …dall’epoca greco romano a contemporanea. Molto interessante, è ben presentato! C’è anche un esempio delle ance ceramiche di Giannetta!

 

La piazza Maggiore di Faenza è molto elegante.

26 aprile Faenza – Brisighella
Giannetta ha visto questo piccolo paese per caso sul internet e ha deciso che dobbiamo visitarla. A poco distanza da Faenza, la strada era un po’ in salita ma bella e non molto impegnativo, nonostante il vento cattivo di 45kmph😡


Il paese è così affascinante che abbiamo deciso stare per due notte. Ha questa pazza torre d’orologio e anche una Rocca.

Ma la nostra cosa preferita è la via degli asini.

27 aprile Brisighella-Marradi-Brisighella
Il meteo ha previsto un giorno di vento forte >66kmph. Abbiamo fatto un breve ma ripida salita alla Rocca, dove era quasi impossibile stare a piede…oppure nel mio caso a ruoti! Il vento proveniva dal sud ovest, quindi abbiamo preso il trenino (senza borse) sud ovest verso Marradi. Poi il vento ci spingeva in discesa tutto la via tornando a Brisighella…molto divertente e il paesaggio era spettacolare 😃

 

Senta qui il vento  : IMG_2723

 

Veneto/Adige

16 Aprile 2016
Hrmmphhh Sono piuttosto scorbutico.
Dopo esser arrivati alla Serenissima in grande stile, ero costretto in un magazzino buio per due settimane mentre Giannetta faceva un bella danza dappertutto a Venezia, imparando delle cose fantastiche della storia dello sviluppo della città da quando era fango. Lei non può smettere farneticare.

Però oggi mattina il nostro giro ha cominciato. Abbiamo preso il treno per Trento, via Bassano del Grappa e Valsugana. Abbiamo visto la pista ciclabile sul quale abbiamo pedalato diciotto mese fa, che bella il mio umore si migliora.
Il trenino da Bassano Del Grappa fino a Trento era carinissima. Aveva un fischio come un treno in miniatura . Anche è un treno bravissimo, sbuffando in ascesa tra le montagne, dove c’è ancora neve sulle cime.

Avevamo preso la pista ciclabile del Adige. Era Sabato quindi c’erano tanti ciclisti godendo l’aria fresca. Giannetta ha pranzato al Bicigrill di Trento poco distanza lungo la ciclabile. Era affollata…molto vivace. Poi abbiamo pedalato tra le montagne, passando alcuni castelli molto misteriosi, fino a Rovereto, dove è nato Rossini. È una bella città con un castello e le edifici bel decorati.

17-18 aprile 2016
Abbiamo continuato sulla pista ciclabile, la valle è molto stretta e c’era un vento fortissimo e bruttissimo. Ci faceva stufi. Pedalando tra le vigne, abbiamo incontrato un gregge di pecore camminando sulla pista. C’era anche un gruppo di vecchietti da Bergamo facendo un giro in bici. Erano molto sorpresi incontrare una donna è una bici neozelandese sulla pista! Finalmente dopo 40 chilometri con questo ‘ventone’ a testa abbiamo deciso basta. A Dolce abbiamo preso il treno per Verona. La carrozza non era ben adatta per caricare una bici ma Giannetta l’ha riuscito con l’aiuto degli altri passeggeri.

Ora stiamo a B&B Marconi. MOLTO comodo. http://www.bbmarconi.it

Hauraki Rail Trail Capo d’anno 2015

Abbiamo deciso di pedalare tra Tauranga a Te Aroha per una piccola avventura di capo d’anno. Le nostre amiche Patrizia e Teresa avevano deciso di trovare altre amici a Whakatane, quindi ci hanno offerto trasporto fino a Tauranga in Tegal Turbo (la macchina di Patrizia). Ci hanno depositato alla spiaggia Papamoa, dal quale abbiamo pedalato per Tauranga (solo dodice chilometri – un primo giorno facilissimo. Qui e il famoso Monte Maunganui dal ponte della ferrovia che attraversa il porto di TaurangaIMG_1175Il prossimo giorno siamo andati a Athenree, dove habita la nostra amica Caterina. Abbiamo comprato dei pomodori e delle fragole per cena.IMG_1179
IMG_1182
Poi dopo una notte moto piacevole alla casa di Caterina, siamo andati a Waihi, dove commincia la pista ciclabile Hauraki Rail Trail. Waihi ha una storia d’oro – questo e una vecchia miniera d’oro nel centroIMG_1183
La ciclabile comincia alla vecchia stazioneIMG_1184
Dopo pochi passi abbiamo incontrato questo cavallo, molto furbo… Lui e venuto dal altra late del campo ad incontrarci. Giannetta era molto affascinata perché a lei piacciono i cavalli molto. Ma presto e stato evidente che questo cavallo non aveva un motivo simpatico – velocemente lui ha aperto la piccola borsa nel quale Giannetta porta il cibo e ha rubato la sua banana!! Che bandito!! Era molto evidente che questa non e stata la prima volta ha fatto così. Attenzione tutti ciclisti!

IMG_1185 IMG_1186

La vecchia ferrovia segue un fiume molto bello. C’e un caffe alla vecchia stazione a WaikinoIMG_1190

IMG_1191
La ciclabile passa alcuni monumenti della storia d’oro, seguendo il fiume, la bosca e molto verde; poi c’e stato una galleria di piu di 1 chilometro. Era buio ma non avevo paura. Sono una bici molto coraggiouso!IMG_1192

IMG_1193

IMG_1194

IMG_1195

IMG_1197

IMG_1201
Poi, molto presto dopo, abbiamo raggiunto Paeroa. Giannetta ha bevuto la famosa bibita Lemon&Paeroa (mentre io aspettavo con pazienza!).
IMG_1202
Da Paeroa c’e un scelto – si po andare nord verso Thames oppure Sud per Te Aroha. Siamo già pedalato un po della traccia per Thames una volta prima, quindi nel pomeriggio abbiamo continuato sud sulla ciclabile, passando tante mucche, con una vista di Monte Te Aroha (Te Aroha significa amore). Giannetta aveva sete perché era caldissima. Abbiamo fatto una sosta in un giardino classico francese, dove offrano ‘High Tea’ – molto inglese! Finalmente siamo arrivati al piccolo paese di Te Aroha.
IMG_1203

 

IMG_1207

IMG_1208

IMG_1209IMG_1210

Siamo stati a un ex convento per la notte, molto commodo. Il prossimo giorno abbiamo pedalato solo 30 chilometri fino a Matamata, dove abbiamo trovato Teresa e Patrizia e Tegal Turbo, tornando ad Auckland. Ci hanno portato a casa.
Che avventurina piacevole !

Roma!

Perciò vediamo la vista di Castel Sant’Angelo sempre, Giannetta ha pensato che fosse justo a visitarlo. Ci ha passato 3 ore e ha detto era molto interessante. E l’unico monumento a Roma che continuava e cambiava l’uso dal’ antichità (come il sepolcro di Adriano) fino ad ora. La chiesa l’ha modifificata a proteggere la Papà nelle tempi di guerra e ha fatto gallerie segrette e botole…misteriosa!


Giannetta ha passato l’ultimi giorni visitando musei e mostre… Keats house Piazza Spagna, mostra su Escher al Chiostro di Bramante, mostra Memling alla scuderia del Quirinale…vagando le strade e vicoli, ha perso i suoi occhiali ancora quel posto tra Panteone e Quirinale (la seconda volta quest’anno…stupida!)

Ha visitato quest’asino carississimo. Il suo storia e molto interessante …leggete qui:
http://romaleggendaria.blogspot.it/2014/03/lasino-volante-di-tor-di-nona.html
image

Lei mi ha regolato questi fiori, comprato nel Campo dei Fiori, perché lei dice che io sono una brava bici 🙂
image
Ora, sono smontato e nella borsa ‘Tardis’ pronto per il nostro lungo volo per Nuova Zelanda cominciando domani. Fa caldo qui è gli sporchi vestiti puzzano.

Finalmente qui è il suono di Roma

trim.113561EB-ACCD-408A-AF60-85B5D80CDEEC